Ma perché – un pigropanda e i suoi dubbi riguardanti le proprie scelte cinematografiche

Perchéééééé lo faaaaaccio?
Non lo so.
E di roba da vedere al cinema ce n’è, eh. E’ uscito il nuovo film di Zach Braff, c’è “I guardiani della galassia”, ridanno “Maleficent”.

Ma io no.

Io vado a vedere roba piena di ragni o di gente che si droga.

Bravo, pigropanda.

Presa dal sacro fuoco della cinefilia, un po’ di tempo fa ho fatto una tessera da cinque ingressi, ridotti, al cinema. La volpe qua presente ha pensato che fosse particolarmente astuto fare una tessera da cinque ingressi (da esaurirsi in 90 giorni) 1) in estate e 2) nel weekend della festa del cinema, durante la quale puoi entrare al cinema per tipo due euro.
Quindi all’inizio della scorsa settimana mi trovavo ancora con quattro ingressi intonsi su cinque e la tessera che scade a fine settembre. Quattro su cinque perché , qualche giorno prima, ho pure vinto un ingresso offerto gentilmente da una coppia nella stessa situazione di tessera da esaurire entro la serata:
“Salve, l’abbiamo vista nell’altro cinema, noi e lei vogliamo vedere lo stesso film, la invitiamo”
“Ma…”
“No, la invitiamo, abbiamo la tessera che scade domani”
“Ma…”
“Ecco il suo biglietto, buon film”
“Ma…”
Ohè, mai successo prima. Mai.
Grazie alla generosità di questi estranei, e alla mia tessera magica utilizzata la volta successiva (quella volta non c’erano generosi francesi nei paraggi), ora posso interrogarmi sugli evidentemente problemi mentali che provocano le mie scelte cinematografiche.
Eeeee il primo film visionato, gentilmente offerto dai signori di cui sopra è stato:

dallasbuyersclub

 

Perché non andare a vedere un film in cui il protagonista è un cowboy sieropositivo omofobo, tossicodipendente e spaccone?
(Non è un grande spoiler, lo scoprite nei primi dieci minuti di film).
Il film in sé non è male, la storia è ispirata ad una storia vera ed è realistica, la recitazione è buona.
Il mio problema è stato che è un bel film in cui c’è la cattiva Big Pharma contro la buonissima medicina alternativa naturale, che è così buona che redime persino i cowboy spacconi omofobi. Purtroppo, dopo la vicenda Stamina, ogni volta che sento qualcuno affermare “La medicina ufficiale ce lo vuole nascondereeeeee!!!1!” mi sale l’embolo. Che in questo caso avevano pure ragione, ma ormai mi sale l’embolo lo stesso.
La cosa più mi ha sconvolto del film, comunque, è stato accorgersi che quella trans così carina è Jared Leto.

Se non vi siete incazzati troppo con Le Iene, è un film che vi consiglio. Altrimenti, lasciate perdere.

Andiamo avanti. Blateriamo del secondo film che ho visto, riuscendo finalmente ad utilizzare la tessera magica:

enemy_poster

 

Le altre sei persone presenti in sala hanno udito distintamente, credo, il mio sgomento “MA QUINDI?!?” alla scena finale del film.
Sono uscita dal cinema con la netta sensazione che mi fosse sfuggito qualcosa. A partire dal sesto minuto, direi. Ma forse anche da prima. Perché sono andata a vedere questo film? Ah, sì, perché c’era scritto “thriller” e io volevo una roba svuotatesta.
Ottima scelta.
Io non vi posso dire niente, ché il rischio di spoiler è altissimo.
Sappiate comunque che:

  • è terribilmente inquietante, e Jake Gyllenhaal è inquietantissimo pure lui
  • se accettate la possibilità di salti temporali ad cazzum fate meno fatica a fare collegamenti
  • se soffrite di aracnofobia PER L’AMOR D’IDDIO guardate qualcos’altro
  • è ispirato ad un libro di Saramago che non ho letto

Dopo che sono uscita dal cinema ho continuato a pensare al film per un sacco di tempo, poi mi sono arresa e ho letto qualche recensione. Ho capito qualcosa in più.
E’ un film che gronda ossessione, disturbante a partire dalla scelta dei colori.
E ci sono ragni, ragni ovunque.
E niente mi toglierà dalla testa che il regista abbia visto questa scultura e l’abbia interpretata in senso letterale.
Sono ancora un po’ turbata.
Spero che lo veda qualcun altro così da scambiarci pareri un po’ sconvolti.

Vedremo™. Fatemi sapere.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...