Luglio agosto settembre a scuola

sono indecisa tra un video degli Area, della PFM o di Fiorello

... e invece, a sorpresa, una foto di una simpaticiuissima, ancorché autunnale, lapide pietroburghese!

… e invece, a sorpresa, una foto di una simpaticiuissima, ancorché autunnale, lapide pietroburghese!

Settembre: è tempo di funghi, ribollir di tini e ritorni a scuola.

Anche questo semestre, corso di francese.
Al momento riesco a parlare decentemente al telefono, esprimere le mie opinioni se la gente non mi parla addosso e sbaglio a scrivere solo il 50% degli accenti.
Continuano a scambiarmi per spagnola, ma mi hanno detto che ho un accento sexy, quindi OCCHEI.
Siccome però ho deciso di avere una certificazione (e puntare kamikazemente al DALF ), mi farò altre otto settimane di corso.

Prima lezione la settimana scorsa.

Abbiamo già iniziato bene.

  1. Cominciamo facendo un gioco divertentissimo: scrivere cosa ci veniva in mente riguardo al Paese di provenienza un altro partecipante al corso. A me è toccata la Finlandia. Mi è venuto voglia di scrivere “IKEA” ma poi mi sono ricordata che quella è la Svezia. Poche cose che so sulla Finlandia: a) hanno una lingua non indoeuropea; b) Arto Paasilinna; c) Arvo Pärt (no, è estone); d) il suono delle parole è molto dolce; e) dolci a base di latte; f) Lapponia. Scriviamo e poi diamo i foglietti agli oriundi.
  2. La ragazza finlandese non sapeva chi fosse Arto Paasilinna, quindi spiego alla classe chi sia Arto Paasilinna.
  3. Il PCB (Povero Cristo Bielorusso), che non sa tacere, passato pure lui al livello successivo, durante l’estate non ha imparato a tacere. La prof ha chiesto “Non conoscete cliché sui finlandesi?” “Sì”, fa lui, “sono lenti” “Lenti nel senso che si prendono il tempo per fare le cose…” ha suggerito la prof “No, no, lenti che proprio non ce la possono fare!”. La Povera Crista Finlandese non è sembrata, tuttavia, eccessivamente offesa, ma solo un po’ sconvolta.
  4. Il PCB (Povero Cristo Bielorusso), che non sa tacere, ha dato prova di non avere filtri neanche nella scrittura, quando avrebbe più tempo per pensare a quel che sta esprimendo: il Paese che gli è toccato era la Corea, e tra “Samsung”, “molto lavoro” e “Nord vs Sud”, ha infilato: “mangiate i cani“. Un mostro di diplomazia, il PCB.
  5. La mia vicina di banco iraniana ha deciso di istigare uno spagnolo fingendo di voler sapere quale sia il parere generale degli spagnoli riguardo la corrida ma chiedendo, in realtà “Non credi che sia una tortura?” – lo spagnolo, che non è un PCB, ha dato prova di grandi capacità diplomatiche (sospetto che “La corrida è una tortura” risulti nella top ten delle Cose Che Fanno Incazzare Lo Spagnolo All’Estero).
  6. La stessa iraniana però è simpatica e abbiamo fatto scambio di autori di libri – però ho scordato Vassalli, va’ che bestia.
  7. Ad inizio lezione vedo una ragazza seduta, ha una faccia familiare ma non ricordo dove l’ho già vista. Salta fuori che è italiana pure lei. “Ti ho vista con gli altri italiani che stanno qua?” “No, non li frequento” “Fai stato solido pure tu, magari a qualche conferenza? Dove andavi all’università?” “Nel Nordest, però ho fatto il dottorato in nanocose, non fisica” “Pure io, ecco dove ti ho vista”. Il mondo è minuscolo.
  8. Giusto per rimanere in tema Nordest, finisco la lezione discutendo con un ungherese carinissimo chi abbia ragione con la storia del Tokaji/Tocai. L’UE dà ragione a lui, ma provate a chiedere un friulano in FVG e vedete se non vi sputano nel bicchiere.

Chissà se continuiamo così.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...