Prestiti 2016

libri che non ho scelto io, ma altri hanno scelto per me

Io provo sempre una enorme gratitudine verso chi mi presta libri. Mi commuove quasi pensare che vogliano condividere con me qualcosa che, suppongo, a loro è piaciuto oppure pensano che potrebbe piacere a me. Nel 2016 mi hanno prestato libri che non ho (ancora) letto, stanno lì ad aspettare che me li richiedano o che finalmente trovi l’energia per leggerli. Sì, amico-blogger-a-intermittenza, parlo proprio de La camicia di ghiaccio. Nelle prossime righe, che contemplano solo i libri che ho terminato, La camicia di ghiaccio ‘un ce sta.

Continua a leggere

Annunci

Cose che ho letto, che non posso credere di aver letto, però le ho lette

inutili elenchi di libri

Mi sono resa conto che non ho detto nulla né sulla musica che ho ascoltato negli ultimi due anni (non molta, ultimamente, visto che per un anno non ho lavorato fuori di casa e per qualche motivo a casa ascolto altro), né sui libri che ho letto. E ci sono metà di quelli del 2015 da commentare, tutti quelli del 2016 e pure quelli del 2017.

Continua a leggere

so many books, so little time

parte I, anima fantastica

Si avvicina fine anno, si avvicinano i bilanci, si avvicina la chiusura degli obiettivi annuali (oltre al fatto che si avvicina Capodanno e come ogni anno non ho idea di cosa potrei fare a parte optare per un molto onorevole letargo).
A gennaio scorso avevo deliberato che avrei fatto una lista dei libri letti, giusto per capire quanti sarebbero stati.
Per spacciarmela, sostanzialmente.
Al momento sono trentaquattro, ma conto che aumentino di almeno un altro paio prima di arrivare al 31 dicembre. Pensavo sarebbero stati di più, ma i tempi in cui potevo stare a leggere sdraiata sul divano mentre qualcun altro pensava a districarsi nella giungla della burocrazia del mondo adulto sono finiti, quindi pace e teniamoci buoni sti trentaquattro libri.

Continua a leggere