retorica della lettura

post anomalo

la risposta che darò da oggi in poi a chiunque cercherà di convincermi di qualche comprovata cazzata [purtroppo non so di chi sia quest'immagine bellissima]

la risposta che darò da oggi in poi a chiunque cercherà di convincermi di qualche comprovata cazzata [purtroppo non so di chi sia quest’immagine bellissima]

Questo non è un blog di opinione.
E’ un blog che racconta piccole storie personali, quotidiane e leggere, che ha pochi lettori, quasi tutta gente che mi conosce personalmente. Scherzerei, anche, come Manzoni su “i miei venticinque lettori”, ma nel mio caso sono decisamente meno.
Qualche volta scrivo qualche goffa impressione su libri e film, ma è un esercizio da scuola superiore, visto che estrapolare il significato dell’opera è un giochino che mi annoia incredibilmente.
Raramente parlo di cose che succedono nel mondo esterno a me, quasi sempre per sfogare un goliardico fastidio nei confronti dell’umanità, a cui alla fin fine voglio pure bene.
Forse potrei scrivere di cose più impegnate, ma la verità è che tengo questo blog come un album di istanti tutto sommato divertenti, anche un po’ per sdrammatizzare una natura non esattamente solare.

Continua a leggere

Annunci

[sfogo] misantropia unica via

Lista di persone che devo eticamente tollerare perché mi fanno pena, ma che fondamentalmente non reggo più

E c’è quello ti tratta male, sempre, ma poverino, devi capirlo, ha avuto un’infanzia complicata, il divorzio dei genitori, sai.
E allora sospiri e ti procuri dei tergicristalli per  l’ennesima vagonata di letame.

E c’è quella che ha le balle in giostra e ti butta addosso tutti i suoi problemi, ma devi capire che nessuno le ha mai insegnato ad ascoltare perché nessuno la ascoltava mai.
E quindi niente, attacchi il pilota automatico di risposte preregistrate e ascolti lo sfogo a senso unico.

Poi c’è l’altro, quello che non ha il lavoro: è per quello che è stronzo.
E pace, annuisci da sopra il caffè alla valanga di frasi fatte in odor di leghismo.

Continua a leggere

Buco Nel Bagno

una fiaba a lieto fine

introduzione

Fino a pochi giorni fa, ho convissuto con Buco Nel Bagno.

Buco Nel Bagno è arrivato nel miniappartamento prima di me, comodamente rannicchiato sotto il linoleum.
Da quando viviamo insieme, evidentemente, si deve essere trovato particolarmente bene perché, dagli iniziali venti centimetri di diametro, è aumentato fino al metro e ha pensato che sarebbe stato bello coinvolgere anche la miniavasca da bagno.

Continua a leggere